Associazione Guide e Scouts San Benedetto
Pensiero di oggi: Il vero modo di essere felici è quello di procurare la felicità agli altri (BP)   

TIENI D'OCCHIO...

DICCI COME LA PENSI

Ogni quanto fai uscita o pernottamento con la tua unità?

Almeno ogni due settimane - 8.3%
Mediamente ogni tre settimane - 20.8%
Soltanto una volta al mese - 50%
Massimo tre o quattro volte all'anno - 12.5%
Unicamente campi invernale ed estivo - 8.3%

Voti Totali: 24
Il sondaggio è finito il: 08 Gen 2017


linbar

BADEN POWELL Stampa E-mail
Ultimo aggiornamento 21 Ottobre 2012

Robert Stephenson Smyth Baden Powell, Lord of Gilwell, chiamato da tutti gli scout più semplicemente B.P., nacque a Paddington, nei dintorni di Londra, il 22 febbraio 1857, sesto figlio maschio del reverendo Baden Powell, professore all'università di Oxford.Nel periodo in cui era in India, Baden-Powell, per tenere occupati e in buona salute i suoi uomini che vivevano in un clima malsano e si annoiavano nella monotonia della vita di guarnigione, pensò di farli diventare esperti nella tecnica dello "scouting". 

Nell'esercito inglese la parola "scouting" indicava l'arte della "ricognizione" e Baden-Powell era particolarmente abile in essa. Organizzò così fra i suoi uomini un gruppo di "scout", insegnando loro a seguire le tracce, a osservare e a interpretare gli indizi lasciati sul terreno, a vedere senza essere visti, ad affrontare la dura e difficile vita nelle foreste e nelle zone sperdute ai confini della civiltà. Ottenne anche dallo Stato Maggiore un apposito distintivo per gli "scouts": un giglio, che sulle antiche bussole simboleggiava il Nord.  Alcuni anni dopo, durante la guerra in sud Africa fra l'Inghilterra e i Boeri (discendenti di antichi coloni olandesi), Baden Powell si trovò assediato da preponderanti forze avversarie nella cittadina di Mafeking. Usando una serie di astuzie e di trucchi ingegnosi egli riuscì a tenere testa agli avversari per sette mesi, fino all'arrivo dei rinforzi.

Ma Mafeking rappresenta una esperienza importante anche per un altro motivo. Scarseggiando gli uomini nella città assediata, Baden-Powell pensò di utilizzare dei ragazzi per compiti ausiliari di staffette, di postini, di piantoni, ovunque la loro presenza e il loro ardore potessero rendere liberi degli uomini validi per il combattimento. La serietà con cui questi ragazzi assolsero il loro compito e l'entusiasmo con cui si impegnavano, malgrado il pericolo al quale si esponevano, aprirono nella mente di Baden-Powell un orizzonte nuovo e lo fece riflettere sulle capacità che hanno i ragazzi quando si sa fare appello al loro impegno, al loro spirito di sacrificio, alla loro lealtà.

Tornato in patria, egli fu molto meravigliato nel vedere i giovani inglesi dedicarsi a divertimenti tutt'altro che buoni, oziare, perdere tempo nei bar o giocare a carte, fare il "tifo" per guardare dei giocatori pagati invece di praticare personalmente uno sport e tanti altri episodi di questo genere. Facendo tesoro dell'esperienza con i ragazzi di Mafeking e di quelle di con i suoi "scouts militari", pensò allora di suggerire ai ragazzi le attività dello "scouting", trasformando quella che fino ad allora era stata un'arte utilizzata per scopi di guerra, in uno strumento di pace e di fraternità. Prima di dar vita alle sue idee, però, Baden Pawell volle sperimentarle e fu così che dal 31 luglio al 9 agosto 1907, nell'isoletta di Brownsea alla foce del Tamigi, effettuò con una ventina di ragazzi quello che fu il primo campo scout della storia.

In seguito all'ottimo risultato del campo, Baden-Powell iniziò la pubblicazione, a fascicoli quindicinali, di un manuale dal titolo: "Scouting for boys". Anche il manuale fu un grosso successo e, di conseguenza, gli Scouts sorsero ovunque, in maniera spontanea, quasi come funghi, prima in Inghilterra e subito dopo nelle altre nazioni del mondo.

Baden-Powell "tornò alla casa del Padre" nel 1941 a 83 anni, dopo aver dedicato tutto il resto della sua vita allo scautismo e, attraverso di esso, allo sviluppo della fraternità fra i ragazzi di tutto il mondo. Ci sono stati certamente tanti altri esempi di uomini giunti a un grande successo personale, ma la vita di Baden-Powell ha avuto qualcosa di speciale, forse unico. Coloro che lo hanno conosciuto hanno sempre ricordato la sua allegria, la sua bontà d'animo, la sua capacità di mettere chiunque a proprio agio. Una grande capacità di osservazione, una memoria eccellente e una piacevole capacità di disegnare facendo sì che egli avesse sempre una storia appassionante da ricordare o un'avventura personale da narrare, con quella punta di humor tipicamente inglese. Basta leggere qualcuno dei suoi libri per scoprire ricordi, episodi a volte seri a volte comici, ma sempre molto pittoreschi.

 

LA SECONDA VITA

Il movimento crebbe velocemente e, nel 1910, aveva ormai raggiunto tali proporzioni che B.P. si rese conto che lo scautismo sarebbe stato il compito di tutta la sua vita. Ebbe l'esatta percezione che avrebbe fatto di più per la sua Patria formando le generazioni nascenti in buoni cittadini, che dedicandosi alla formazione di pochi uomini per futuri possibili conflitti.
Pertanto dette le dimissioni dall'esercito nel quale aveva raggiunto il grado di Luogotenente Generale e s'imbracò per la sua «seconda vita», come egli chiamò la sua vita di servizio in favore di tutto il mondo, attraverso lo scautismo.

FRATERNITA’ MONDIALE

Nel 1912 partì per un viaggio attorno al mondo per incontrare gli scouts di molti Paesi. Questo fu il primo esordio dello scautismo come fraternità mondiale. La Grande Guerra venne ad interrompere tale lavoro per qualche anno, ma, con la fine delle ostilità, questo fu ripreso e nel 1920 Scouts di ogni parte del mondo si incontrarono a Londra per la prima riunione internazionale scout: fu il primo Jamboree mondiale.
L'ultima sera di questo Jamboree, il 6 agosto, B.P. fu acclamato Capo Scout del mondo dalla folla plaudente dei ragazzi. 
Il movimento scout cominciò il suo sviluppo. Il giorno in cui compì il suo ventunesimo anniversario aveva sorpassato i due milioni di iscritti, essendo praticamente diffuso in ogni nazione civile della terra. In quella occasione B.P. fu onorato dal Re Giorgio V con il conferimento del titolo di Lord; il suo nome divenne pertanto Lord Baden-Powell of Gilwell. Eppure per ogni scout egli rimarrà: «B.P.», Capo Scout del Mondo.
Il primo Jamboree mondiale fu seguito da altri: nel 1924 in Danimarca, 1929 in Inghilterra, 1933 in Ungheria, 1937 in Olanda.
Ma i Jamboree sono stati soltanto una parte dello sforzo teso alla fraternità mondiale scout B.P. viaggiò in lungo e largo nell'interesse dello scautismo, mantenne una corrispondenza con capi scout in numerosi Paesi e cominciò a scrivere su questioni scout, illustrando i suoi articoli e libri con schizzi e disegni di sua mano.

GLI ULTIMI ANNI

Quando in ultimo le forze cominciarono a venirgli meno, B.P. tornò alla sua amata Africa con sua moglie, che era stata la collaboratrice entusiasta in tutti i suoi sforzi e che era, lei stessa, a capo del movimento mondiale delle guide, pure creato da Baden Powell. Si stabilirono nel Kenia, in un angolino tranquillo, con la meravigliosa vista su grandi foreste e con sfondo di vette montane coperte di neve. Là B.P. morì l'8 gennaio 1941, poco più di un mese prima del suo ottantaquattresimo compleanno.

  

 

Controllo Cookies - Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza degli utenti: continuando a navigare sul sito accetti questo utilizzo. Se vuoi saperne di piu' sull'utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l'uso, leggi la nostra informativa estesa: privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito

Cookies informazioni