Associazione Guide e Scouts San Benedetto
Pensiero di oggi: Il vero modo di essere felici è quello di procurare la felicità agli altri (BP)   

TIENI D'OCCHIO...

DICCI COME LA PENSI

Ogni quanto fai uscita o pernottamento con la tua unità?

Almeno ogni due settimane - 8.3%
Mediamente ogni tre settimane - 20.8%
Soltanto una volta al mese - 50%
Massimo tre o quattro volte all'anno - 12.5%
Unicamente campi invernale ed estivo - 8.3%

Voti Totali: 24
Il sondaggio è finito il: 08 Gen 2017


linbar

I NOSTRI DISTINTIVI Stampa E-mail
Ultimo aggiornamento 21 Ottobre 2012

La scelta del nostro distintivo regionale non è causale o soltanto estetica. E' sicuramente bello da guardare, ma le ragioni che ci hanno spinto a farlo "nostro" sono ben altre.Abbiamo svolto vaste ricerche presso la Regione Siciliana, abbiamo trovato la legge che istituisce lo stemma ed il gonfalone, e siamo andati a parlare con il Prof. Giuseppe Tricoli, docente di storia moderna all'Università di Palermo.

Il criterio che ha presieduto al disegno del gonfalone, che è gelosamente conservato alla Presidenza della Regione di P/zza Indipendenza a Palermo, è stato quello di raffigurare gli emblemi delle famiglie che hanno fatto della Sicilia un Regno. 
In alto a sinistra troviamo pertanto quello degli Altavilla. 
La loro "avventura nel Sud" inizierà nel santuario di San Michele a monte S. Angelo, dove si erano recati in pellegrinaggio e dove verranno "ingaggiati" per cacciare i bizantini dal meridione d'Italia.

Lo faranno così bene, che mentre Roberto il Guiscardo caccerà i "greci", il fratello minore, Ruggero, con una guerra durata trent'anni, farà lo stesso in Sicilia con gli arabi, sconfiggendo l'Islam e restituendo piena libertà alla fede cristiana. Essi porteranno la nostra regione a grande splendore, costruiranno le grandi chiese arabo-normanne, daranno pace e benessere al nostro popolo. 
In "politica estera", grazie ad una grande marina da guerra e ad un esercito efficiente, arriveranno non solo a "tenere a distanza" gli stessi imperatori, ma anche a conquistare una piccola parte dell'Africa settentrionale. Sembra addirittura che il loro contributo economico alla battaglia di Legnano sia stato determinante per la vittoria della Lega Lombarda. Certo non è un caso che alla pace di Venezia tra Federico I Barbarossa e il Pontefice Alessandro III fossero presenti ben 400 Normanni siciliani.

L'aquila nera presente nel secondo quarto è l'emblema degli Hohestaufen, duchi di Svevia, e successivamente imperatori del Sacro Romano Impero. Federico II, figlio di Enrico VI e dell'ultima normanna, Costanza, regnerà da Palermo sul Sacro Romano Impero. Le spoglie di questi tre personaggi riposano nella cattedrale di Palermo.

La triscele, presente nel terzo quarto, è un antico simbolo guerriero degli invasori indo-europei scesi in Sicilia nella notte dei tempi. 
Nell'ultimo quarto è presente il simbolo della casa aragonese, i cui colori rosso ed oro richiamano l'origine spagnola e le due aquile nere il suo legame con gli svevi.

Mi pare, pertanto, che la scelta di questo distintivo si situa nella logica di un apprezzamento delle fonti storiche e culturali del passato del popolo siciliano.

 

ALTRI DISTINTIVI

 

- Distintivo associativo (esploratori e guide)
- Distintivo promessa
- Distintivo del Ventennale
- Specialità
- Distintivi di classe (2°, 1°, Espl. scelto)
- Distintivo Interfuoco associativo
 

Controllo Cookies - Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza degli utenti: continuando a navigare sul sito accetti questo utilizzo. Se vuoi saperne di piu' sull'utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l'uso, leggi la nostra informativa estesa: privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito

Cookies informazioni