Coccinelle

Il Metodo scout applicato alla Branca Coccinelle si rivolge alle bambine di età compresa tra 8 e 11 anni.

Mediante il perseguimento dei 4 punti di Baden Powell (formazione del carattere, salute e forza fisica, abilità manuale, servizio al prossimo), il Metodo scout contribuisce allo sviluppo psico-fisico delle bambine. La comunità formata dalle Coccinelle prende il nome di Cerchio. Nel Cerchio non ci sono differenze, ciascuna bambina ha il proprio posto e tutte insieme vivono e condividono le stesse esperienze. Il Cerchio propone alla bambina un ambiente sereno dove, attraverso la conoscenza e l'applicazione dei sette punti della Legge, scopre il senso cristiano della gioia e della fratellanza. Il clima di questo ambiente di vita è quello della “famiglia felice”, in cui la gioia è condivisa con la Capo e con le altre Coccinelle.
Nello spirito della famiglia felice e con l'aiuto delle loro Capo le bambine vengono messe nella condizione di sviluppare gradualmente la propria personalità. Mediante l'assunzione di piccole responsabilità, le Coccinelle acquisiscono la capacità di fare comunità e di aiutarsi vicendevolmente. Il sistema pedagogico di Branca Coccinelle è incentrato su un ampio utilizzo della componente simbolica, il cui elemento principale è costituito dal Bosco che rappresenta l’ignoto, l’inesplorato ma nello stesso tempo un ambiente accessibile all'esperienza della Coccinella, concreto e tutto da scoprire. Il Bosco costituisce un luogo di prova, di cammino, per mezzo del quale la bambina gradualmente matura.
E' importante che la bambina venga guidata, mediante il gioco, la fantasia creativa, la lettura, il contatto con la natura e l'espressione, alla scoperta della realtà che la circonda.

Lupetti

Il Metodo scout applicato alla Branca Lupetti si rivolge ai bambini di età compresa tra 8 e 11 anni.

La proposta educativa dell'Associazione Guide e Scouts San Benedetto, nel pieno rispetto della tradizione pedagogica della Chiesa Cattolica, ha adottato in maniera integrale i principi cardine e le modalità applicative del Metodo scout secondo quanto stabilito da Baden-Powell nel suo libro “Il Manuale dei Lupetti”. La specificità pedagogica del Metodo scout applicato alla Branca Lupetti trova nell'ambiente giungla la sua più originale intuizione. La giungla è quella immaginata da Rudyard Kipling nel suo “Libro della Giungla” (di cui si dirà più avanti).
La lettura approfondita dei due testi citati è condizione indispensabile per una corretta interpretazione ed applicazione di queste Norme Direttive.

"Come afferma lo stesso Baden-Powell, il Metodo di Branca Lupetti “consiste nell’educare il ragazzo dal di dentro piuttosto che istruirlo dal di fuori, nell’offrire giochi ed attività che mentre sono attraenti per il bambino, lo educheranno seriamente dal punto di vista morale mentale e fisico."
B.-P. - Il Manuale Dei Lupetti

Guide

Il Metodo scout applicato alla branca Guide si rivolge alle ragazze la cui età è compresa tra 11 e 16 anni.

Lo spirito del Guidismo, secondo Lord Baden-Powell, è quello di “educare le ragazze ad essere madri migliori e guide per la prossima generazione”
B.-P. - Taccuino.
Esso si realizza in particolare maniera con la “vita all'aria aperta”: uscite, pernottamenti e campi. In tali attività, alla ragazza è data piena possibilità di realizzare le sue più “naturali” aspirazioni: spirito di avventura, alti ideali, spirito di aggregazione, sana competizione, conoscenza di Dio, competenze tecniche e senso dell'onore.

“Le ragazze devono essere collaboratrici e compagne, piuttosto che bambole. La loro influenza nella vita futura nelle azioni e nella qualità degli uomini è grandissima; esse divengono le guide degli uomini, e perciò necessitano di formazione del carattere altrettanto quanto i ragazzi”
B.-P. - Taccuino

Esploratori

Il Metodo scout applicato alla Branca Esploratori si rivolge ai ragazzi la cui età è compresa tra 11 e 16 anni.

Esso si realizza in particolare maniera con la “vita all'aria aperta”: uscite, pernottamenti e campi. In tali attività, al ragazzo è data piena possibilità di realizzare le sue più naturali aspirazioni: spirito di avventura, alti ideali, spirito di “banda”, sana competizione, conoscenza di Dio, competenze tecniche e senso dell'onore. La vita a contatto con la natura consente al ragazzo di vivere in pieno lo scautismo. Il bosco è pertanto l'ambiente privilegiato di ogni attività scout.
La più forte attrattiva che lo scautismo esercia è realizzata mediante lo studio della natura e la scienza dei boschi.

Scolte

Lo Scoltismo costituisce la terza fase del cammino educativo scout per il settore femminile.
Esso è uno stile di vita che, se pienamente incarnato, fa della Scolta una donna virtuosa e di carattere: sposa, madre e custode della famiglia, ma anche donna consacrata e impegnata nella società e nella Chiesa. Lo Scoltismo è educazione alla responsabilità personale e alla scoperta della propria identità.
Suo scopo è pertanto quello di mettere in risalto l’attualità del “genio femminile” (definizione già utilizzata da Giovanni Paolo II) nella vita della società per riconoscere la donna come promotrice e portatrice di tutti quei valori umani e cristiani essenziali per la realizzazione di un mondo migliore.
Il Fuoco vive lo Scoltismo a livello comunitario infondendolo poi in ogni suo singolo componente. Così ciascuna ragazza diventa attrice della propria educazione. E' questo uno dei maggiori insegnamenti di Baden-Powell:
"Rovers e Scolte si fanno da soli carico di se stessi. Riducendo, poco a poco il ruolo del gruppo....".

Rover

Il Roverismo costituisce la terza fase del cammino educativo scout per il settore maschile.
Esso è uno stile di vita che, se pienamente incarnato, fa del Rover un cristiano impegnato e un uomo di carattere. Il Roverismo è pertanto un modo di essere, di concepire le cose, di pensare e di agire.
Ma prima di tutto esso è preparazione alla vita e ricerca del senso della vita. Il Clan lo vive costantemente a livello comunitario per infonderlo poi in ogni suo singolo componente. Così ciascun ragazzo diventa attore della propria educazione.
E' questo uno dei maggiori insegnamenti di Baden-Powell:
"Rovers e Scolte si fanno da soli carico di se stessi. Riducendo, poco a poco il ruolo del gruppo...".